Diritto Amministrativo
IL NUOVO PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DOPO LA LEGGE MADIA E L’AGGIORNAMENTO AL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE 2015 | Corso Diritto Amministrativo

AGGIORNATO AI DECRETI DI ATTUAZIONE DELLA RIFORMA DELLA P.A. (GENNAIO 2016)

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	<em><strong>Per informazioni sui Crediti Formativi Professionali contattare la Segreteria ITA</strong></em></p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Paolo Amovilli
Consigliere TAR Umbria
Giuseppe Tagliamonte
Consigliere della Corte dei conti

 

Data e sede del corso da definirsi

PROGRAMMA DEL CORSO
La riforma della Pubblica Amministrazione

innovazioni e prospettive nella legge n. 124 del 2015 (Legge Madia)
norme di immediata attuazione
rafforzamento del principio di separazione tra attività di indirizzo politico e gestione e revisione delle responsabilità
riordino dei giudizi di responsabilità amministrativo - contabile
legge delega per l’attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE in materia di concessioni e appalti pubblici: il delicato passaggio dal Codice contratti pubblici alla nuova normativa

Aggiornamento al Piano Nazionale Anticorruzione 2015 (determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015)
le aree a rischio
la prevenzione della corruzione nella fase di affidamento e di esecuzione del contratto: principali criticità
la trasparenza dell’attività contrattuale (D.Lgs. 33/2013) e il diritto di accesso civico
competenze e responsabilità del RUP e del Responsabile anticorruzione

La figura del Responsabile del procedimento
individuazione e nomina
competenze e responsabilità
conflitto di interessi
procedimento istruttorio
rapporti con il Responsabile anticorruzione

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività
l’obiettivo del consolidamento delle attività economiche oggetto di SCIA e revisione del rapporto con il potere autoritativo di controllo
ambito di applicazione della SCIA e presupposti
la riforma dell’autotutela e l’introduzione di termini perentori per il relativo esercizio
gli aspetti critici sotto il profilo procedimentale e di tutela giurisdizionale nella più recente giurisprudenza

Autotutela con funzione di riesame
le modifiche all’art. 21-nonies L. 241/90 in tema di annullamento d’ufficio
l’introduzione di un termine perentorio per l’esercizio del potere di annullamento d’ufficio
i provvedimenti di “autorizzazione o di attribuzione di vantaggi economici”. Fattispecie
la complessiva riscrittura dell’autotutela con funzione di riesame alla luce del D.L. 133/2014 “Sblocca Italia” e della legge 7 agosto 2015 n. 124
le nuove limitazioni in tema di revoca per c.d. ius poenitendi
il delicato rapporto con il principio del legittimo affidamento di derivazione comunitaria
l’autotutela inerente a provvedimento conseguito con modalità fraudolenta

Conferenza di servizi
i principi ed i criteri direttivi contenuti nella legge delega 124/2015
l’introduzione del silenzio assenso per gli assensi delle Amministrazioni preposte alla tutela della salute, del patrimonio storico-artistico e dell’ambiente
le novità in tema di autotutela. L’introduzione di fattispecie di autotutela doverosa da parte dell’Amministrazione procedente su istanza delle Amministrazioni partecipanti alla conferenza

SCIA, silenzio assenso, autorizzazione espressa e comunicazione preventiva
i principi e i criteri direttivi della legge delega
la predeterminazione con Decreto Legislativo delle concrete ipotesi di SCIA e di silenzio con valore legale di assenso nonché delle residue ipotesi di autorizzazione espressa
la normativa comunitaria (direttiva n. 123/2006 “Bolkestein”)
le attività soggette a “comunicazione preventiva” e disciplina generale dell’istituto
Paolo Amovilli

La responsabilità amministrativa

natura risarcitoria/sanzionatoria
natura contrattuale/extracontrattuale
obblighi di servizio
dolo e colpa grave
assicurabilità della responsabilità
Giuseppe Tagliamonte

 
 
NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40 - 56.27.733 - 54.40.89)
o via internet (http://www.itasoi.it).
 
Quota di partecipazione individuale
Euro 1.350,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.
 
Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso Banca Regionale Europea - FIL. Torino 10 IBAN: IT19 B069 0601 0090 0000 0002 626


 

Orario
9,00 - 13,00 / 14,30 - 17,00

 

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.

 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter