Diritto Amministrativo
FUNZIONI DI INDIRIZZO E ATTIVITA’ DI GESTIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI | Corso Diritto Amministrativo

LE RESPONSABILITA’ DELL’APPARATO PUBBLICO NEL DIFFICILE RAPPORTO TRA POLITICA E AMMINISTRAZIONE

 

Invia ad un amico
  • Captcha
<p>
	<em><strong>La richiesta dei Crediti Formativi Professionali presso l&#39;Ordine degli Avvocati di Roma deve pervenire alla Segreteria ITA entro 24 giorni prima della data del corso</strong></em></p>
Brochure stampabile Brochure stampabile
Iscrizione


RELATORI

Stefano Varone
Avvocato dello Stato
Capo Ufficio Legislativo del Ministero dello Sviluppo Economico
Fabrizio Fedeli
Avvocato dello Stato
Roberto Proietti
Consigliere TAR Lazio
Daniela Morgante
Procuratore della Corte dei conti
della Provincia Autonoma di Bolzano

 

Data e sede da Definirsi

programma del corso
I rapporti tra la politica e l’amministrazione

principio di separazione tra i compiti di direzione politica e quelli di amministrazione: il D.Lgs. 29/1993
un apparente revirement legislativo: il D.Lgs. 80/1998
un nuovo tentativo di allontanamento tra politica ed amministrazione: la Riforma Brunetta (D.Lgs. 150/2009)
la riforma Madia della dirigenza pubblica
dirigenza, posizioni organizzative e alte professionalità nel pubblico impiego

Lo Spoils System
un residuo del passato: lo Spoils System
la disciplina di cui all’art. 6 della L. 145/2002
la posizione della Consulta: la censura di incostituzionalità (C. cost. 23 marzo 2007 n. 103)
controversa disciplina degli incarichi intuitu personae: applicabilità dello spoils system (Corte costituzionale, 11 febbraio 2016, n. 20)

Declinazioni operative dei rapporti tra politica ed amministrazione
tipologie di provvedimenti amministrativi: atti di indirizzo politico, atti di alta amministrazione ed atti di gestione
differenze tra atto politico ed atto amministrativo: Tar Lazio, 20 gennaio 2012, n. 679
sulla nozione di atto politico: teoria del “movente” e teoria della “causa obiettiva”
posizione della giurisprudenza amministrativa: Cons. St., sez. IV, 12 marzo 2001, n. 1397
insindacabilità degli atti politici: art. 31, r.d. 26 giugno 1924, n. 1054 ed art. 7, comma 1, Codice del processo amministrativo
profili problematici: la natura del provvedimento di revoca dell’assessore comunale
Stefano Varone

Funzioni di indirizzo politico amministrativo e attività gestionale: il conferimento degli incarichi dirigenziali

legge delega per l’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e l’efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni (legge Brunetta)
rafforzamento della distinzione tra funzioni di indirizzo e controllo spettanti agli organi di governo e funzioni di gestione amministrativa spettanti agli organi burocratici
giurisprudenza della Corte Costituzionale: sentenze nn. 103 e 104 del 2007
giurisdizione sulle controversie in materia di affidamento degli incarichi dirigenziali
profili pratici: il caso delle gare d’appalto e la competenza all’adozione dei singoli atti
autorità d’Ambito, atto ricognitivo e competenze di gestione: Cons. giust. amm. Sicilia sez. giurisd. 17 giugno 2016 n. 173

La separazione delle competenze tra organi politici e organi di gestione
attuazione del principio di separazione tra politica ed amministrazione: l’art. 107 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (T.U. sugli enti locali)
confronto, non sempre pacifico, tra sindaco e dirigente: il caso dello smaltimento di rifiuti (T.A.R. Piemonte, sez. I, 05/10/2016, n. 1230)
disciplina urbanistica tra valutazioni amministrative e decisioni politiche: Tar Lombardia, Brescia, sentenza 23 febbraio 2004, n. 150
ancora in tema di atti di gestione amministrativa ed atti di indirizzo politico: il rilascio ovvero il diniego della V.I.A., tra organi politici e funzioni dirigenziali
soluzione della giurisprudenza amministrativa: Consiglio di Stato, Sez. VI, 24 gennaio 2005, n. 127
Fabrizio Fedeli

La figura del responsabile del procedimento amministrativo

obblighi del responsabile del procedimento, nello specifico in materia di redazione e comunicazione degli atti
competenze del responsabile e atti di istruttoria procedimentale
rapporto tra il responsabile del procedimento e il dirigente dell’unità organizzativa: recenti modifiche alla legge sul procedimento amministrativo
caso dell’approvazione della graduatoria di concorso: il Sindaco non può annullare la determinazione adottata dal responsabile del Servizio di approvazione della graduatoria del concorso (Cons. St, Sez. V, 04778/2013)

La responsabilità dirigenziale
apporto tra organo di indirizzo politico e organo di gestione amministrativa: inquadramento delle fattispecie tipiche di responsabilità
mancato raggiungimento degli obiettivi e inosservanza delle direttive impartite ex art. 21 comma 1 del D.Lgs. 165/2001
novità di cui al D.Lgs. 150/2009: la responsabilità da omessa vigilanza ex art. 21 bis del D.Lgs. 165/2001
l’art. 2 della L. 241/1990 e la responsabilità da tardiva adozione del provvedimento amministrativo
nuovo art. 55 sexies comma 3 D.Lgs. 165/2001 così come modificato dall'art. 60 del D.Lgs. 150/2009: responsabilità per omesso esercizio dell’azione disciplinare entro i termini di legge
l’evoluzione della responsabilità dirigenziale da strumento di correzione e coesione politico-amministrativa a misura sanzionatoria
Roberto Proietti

La responsabilità amministrativa dei titolari di funzioni di indirizzo politico e quella dei titolari di funzioni di gestione

insindacabilità del merito politico, del merito amministrativo, del merito tecnico
limiti del merito insindacabile
esimente politica: presupposti e limiti di applicazione
concorso di responsabilità
separazione tra politica e amministrazione nelle pubbliche amministrazioni e nelle società a partecipazione pubblica
Daniela Morgante


NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Modalità di iscrizione
Telefonare alla Segreteria ITA (011/56.11.426 - 56.24.402 - 54.04.97).
In seguito confermare l'iscrizione via fax (011/53.01.40)
o via internet (http://www.itasoi.it).
 

Quota di partecipazione individuale
Euro 1.350,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE.
PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA
 

Modalità di pagamento
Versamento della quota con:
invio di assegno bancario o circolare intestato a ITA Srl;
bonifico bancario da effettuarsi presso Banca del Piemonte IBAN: IT55 D030 4801 0000 0000 0088 066
oppure presso UBI Banca spa - FIL. Torino 10 IBAN: IT56 o031 1101 0080 0000 0002 626

 

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.
 

Disdetta iscrizione
Qualora non pervenga disdetta scritta almeno 5 giorni lavorativi prima della data dell’evento verrà fatturata l'intera quota di partecipazione.
In ogni momento è possibile sostituire il partecipante.

ITA - Via Brofferio, 3 - 10121 Torino
Tel. 011/56.11.426 - Fax 011/53.01.40
www.itasoi.it - ita@itasoi.it

Iscrivitialla Newsletter